Passalapenna.it   Condividi su Facebook  Seguici via email  Entra Entra
leggi le citazioni precedenti
La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro. Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare (A. Schopenhauer)
leggi le citazioni successive
Home | Le nostre Recensioni | Dettaglio Recensione

Dettaglio recensione

RecensioneScritto da :  Ollecram   Voto :  voto in stellevoto in stellevoto in stellevoto in stellevoto in stelle
 Titolo :  Ma li difende il numero
 Autore :  Marcello Parsi
 Scritto il :  22-09-2016

 Buongiorno, dottor Parsi. Questo, se non sbaglio, è il suo terzo libro dedicato a Giovenale. Sul secondo, però, non ho avuto modo di svolgere la consueta intervista... Ne sono molto dispiaciuta, ma cercherò di rimediare con questa. Comunque, le assicuro che l'ho letto con attenzione.

E' proprio così, non si sbaglia: su questo grande poeta satirico latino ho composto una trilogia. Il primo libro, come senz'altro ricorderà, era un romanzo, in cui cercavo di ricostruire le vicende della sua vita – alcune ufficialmente ignote o controverse – integrate da una buona dose della mia fantasia, con esiti che io ritengo, in ogni caso, congruenti e verosimili. Il secondo e il terzo – ossia questo – sono dei saggi letterari, in cui dibatto e mi sforzo di risolvere alcuni problemi esegetici riguardanti aspetti poetici e ideologici.

Per prima cosa mi tolga una curiosità: perché un interesse così spiccato per uno scrittore latino vissuto, più o meno, mille e novecento anni fa?

Per tre motivi. Innanzi tutto perché è di un'attualità sconcertante: si può essere d'accordo o in disaccordo con le tesi da lui sostenute, ma è innegabile che la polemica contro le donne (specialmente quelle di alta condizione sociale), la critica dell'omosessualità e il rifiuto dei flussi migratori che riempivano Roma di una folla di accattoni e di loschi figuri Greci, africani ed orientali costituiscono dei temi che, in un modo o nell'altro, sono anche oggi all'ordine del giorno. Poi, perché le sue idee sono controcorrente e a me sono sempre piaciute le persone che non vogliono farsi omologare e diventare succubi di un'ideologia dominante, che tenda a proporsi come pensiero unico. Infine, per la sua completa padronanza dello stile espressivo, molto concettoso, di cui è una testimonianza inconfutabile il grande numero dei suoi versi, che sono entrati nell'uso comune come sentenze proverbiali.

Può spiegare ai lettori quali finalità voleva raggiungere componendo questo saggio?

Arrivare a formulare una conclusione chiara su un problema intorno al quale è stato sollevato un gran polverone, cioè la presunta e da molti conclamata omofobia di Giovenale, tenendo comunque sempre presente il sacrosanto concetto che ogni scrittore va giudicato sulla base dei parametri ideali, delle convinzioni e dei valori morali esistenti nel luogo e nel periodo in cui è vissuto: nella Roma di allora il concetto di omofobia era assolutamente inconcepibile.

Ma... nella Roma di oggi?

Il mio libro contiene la risposta esauriente alla sua domanda: no, a mio parere non era per niente omofobo. Nella seconda satira, che io presento integralmente nella mia traduzione italiana, il poeta di Aquino critica ferocemente gli omosessuali passivi, che si atteggiano – in base a quale principio? – a severi censori dell'immoralità altrui, sia che si tratti di loro colleghi omosessuali, sia che si tratti di donne di facili costumi. Invece si mostra comprensivo nei riguardi degli altri, quelli che, più sinceri ed autentici, non vogliono camuffare la loro condizione ma si mostrano apertamente come sono: verso di loro ha degli accenti di pietà, riconoscendo che la responsabilità delle loro tendenze ricade sulla natura.

E quelli... attivi? Non ne parla?

Per quanto concerne gli omosessuali attivi, essi non sono trattati nella seconda satira, su cui mi concentro in questo libro, ma nella nona, l'unica scritta sotto forma di dialogo. Non so se si ricorda: il protagonista è il turpe Nevolo, che esplica la sua virilità nei confronti del suo cliente – un omosessuale passivo – e della sua gentile consorte, che suo marito, ovviamente, non è in grado di soddisfare. Beh certo, l'autore usa un tono gelido e distaccato, come se volesse far capire a noi lettori che sta prendendo le distanze da quel personaggio, però non escludo che si possa leggere tra le righe una dose – minima quanto si vuole, ma reale – di comprensione per le accuse che quello rivolge all'ingratitudine del suo “datore di lavoro”.

Nel suo saggio si parla solo di questo argomento?

No: confuto la calunnia di una presunta omosessualità dello scrittore – è stato insinuato anche questo – e spiego l'ambigua allusione fatta da Marziale in un epigramma indirizzato all'amico Giovenale. Infine dedico l'ultimo capitolo a controbattere le critiche che gli ha rivolto un filosofo del calibro di Benedetto Croce.

Bene. Adesso non mi resta che leggerlo. Grazie della sua cortesia e... alla prossima.
 
 
 
RecensioneAltre recensioni scritte da Ollecram
 
RecensioneAltre recensioni di libri scritti da Marcello Parsi
 
RecensioneAltre recensioni di questo libro
 
RecensioneTorna all'elenco delle recensioni





© 2008 Passalapenna! - A cura di Emilio Domenicucci Contatti | Webmaster